Storia

Nel corso della sua storia millenaria, la Chiesa ha dato un eccezionale contributo alla cultura, all’educazione e allo sviluppo dei popoli che sono venuti in contatto con il cristianesimo.


Alle nuove sfide del mondo moderno, la Chiesa ha risposto con il Concilio ecumenico Vaticano II, che dal 1962 al 1966 ha riunito i vescovi di tutto il Mondo. Essi hanno ribadito la necessità che la Chiesa conduca il suo ministero in tutti i campi dell’educazione, con convinzione e competenza.  In questo contesto, è nato il documento conciliare Gravissimum Educationis sull’educazione cristiana a livello scolastico e universitario. 


“Tutti gli uomini di qualunque razza, condizione ed età, in forza della loro dignità di persona hanno il diritto inalienabile ad una educazione, che risponda alla loro vocazione propria e sia conforme al loro temperamento, alla differenza di sesso, alla cultura e alle tradizioni del loro paese, ed insieme aperta ad una fraterna convivenza con gli altri popoli, al fine di garantire la vera unità e la vera pace sulla terra”.


(Conc. Ec. Vat. II, Dich. Gravissimum Educationis, 1)


Per rilanciare questo insegnamento, aggiornandolo alle sfide di oggi, il Santo Padre Francesco e la Congregazione per l’Educazione Cattolica hanno fatto nascere la Fondazione Gravissimum Educationis.

Sostieni la Fondazione

Puoi sostenere le attività della Fondazione attraverso una donazione.

Fai una donazione